La I. Epistola Cattolica di S. Pietro Apostolo.

Home-->Versioni Bibliche-->Tavola Bibbia Diodati 1607-->1 Pietro

1:1 PIETRO Apostolo di Iesu Christo, agli avveniticci della dispersion di Ponto, di Galatia, di Cappadocia, d’Asia, e di Bitinia.

1:2 Eletti, secondo la preordinatione di Dio Padre, in santificatione di Spirito, ad ubbidienza, & ad esser cospersi col sangue di Iesu Christo: gratia, e pace vi sia multiplicata.

1:3 Benedetto [sia] Iddio, e Padre del Signor nostro Iesu Christo, ilquale, secondo la sua molta misericordia, ci ha rigenerati in isperanza viva, per la risurrettion di Iesu Christo da’ morti:

1:4 All’heredità, che non si puo corrompere, ne contaminare, ne marcire, conservata ne’ cieli per noi:

1:5 Iquali siamo, nella virtù di Dio, per la fede, guardati alla salute presta ad esser rivelata nell’ultimo tempo:

1:6 Nelquale voi gioirete, dopo essere stati al presente un poco, se pur così bisogna, contristati in varie tentazioni:

1:7 Accioche la pruova della fede vostra, molto più pretiosa dell’oro, che perisce, e pure è provato per lo fuoco, sia trovata a laude, & honore, e gloria, quando sarà rivelato Iesu Christo:

1:8 Ilquale, benche non l’habbiate veduto, voi amate; nelquale benche hora no’l veggiate, pur credendo, gioite d’una allegrezza ineffabile, e gloriosa:

1:9 Ottenendo il fin della fede vostra, la salute dell’anime.

1:10 Dellaqual salute cercarono, & investigarono i profeti, che profetizzarono della gratia [che è pervenuta] a voi:

1:11 Investigando in che, e qual tempo, lo Spirito di Christo, che [era] in loro, testimoniando innanzi le passioni [che avverrebbero] a Christo, e le glorie che poi appresso [seguirebbero], significasse [quella dovere apparire].

1:12 A’ quali fu rivelato, che non a se stessi, ma a noi, ministravano quelle cose, lequali hora vi sono state annuntiate da coloro che v’hanno evangelizzato per lo Spirito santo, mandato dal cielo; nellequali gli Angeli disiderano riguardare adentro.

1:13 Per ciò, havendo i lombi della vostra mente cinti, stando sobrij, sperate perfettamente nella gratia che v’avverrà nella manifestatione di Iesu Christo:

1:14 Come figliuoli d’ubbidienza, non conformandovi alle concupiscenze di prima, [mentre eravate] nella vostra ignoranza.

1:15 Anzi, sicome colui che v’ha chiamati è santo, anchora voi siate santi in ogni conversatione.

1:16 Conciò sia cosa ch’egli sia scritto, Siate santi, percioche io sono santo.

1:17 E, se chiamate Padre colui, ilquale, senza haver riguardo alla qualità delle persone, giudica secondo l’opera di ciascuno; conversate in timore, il tempo che come avveniticci dimorate [in terra]:

1:18 Sapendo che non con cose corruttibili, argento, od oro, siete stati riscattati dalla vana conversation vostra, insegnata di mano in mano da’ padri.

1:19 Ma col pretioso sangue di Christo, come dell’agnello senza difetto, e macchia:

1:20 Ben preordinato avanti la fondation del mondo; ma manifestato negli ultimi tempi, per voi:

1:21 Iquali per lui credete in Dio, che l’ha suscitato da’ morti, e gli ha dato gloria; accioche la vostra fede, e speranza, fosse in Dio.

1:22 Havendo voi purificate l’anime vostre, nell’ubbidire alla verità, per lo Spirito, a fraterna carità non finta, portate amore intenso gli uni agli altri di puro cuore.

1:23 Essendo rigenerati, non di seme corruttibile, ma incorruttibile, per la parola di Dio, [che è] viva, e dimora in eterno.

1:24 Percioche ogni carne [è] come herba, & ogni gloria d’huomo come fior d’herba: l’herba è seccata, e’l suo fiore è caduto.

1:25 Ma la parola del Signore dimora in eterno: e questa è la parola, che v’è stata evangelizzata.

2:1 Deposta adunque ogni malitia, & ogni fraude, & hipocresie, & invidie, e tutte detrattioni;

2:2 Come fanciulli pur’hora nati, appetite il latte sincero della parola, accioche per esso cresciate.

2:3 Se pure havete gustato che’l Signore è buono:

2:4 Alquale accostandovi; [a lui, dico, che è] la pietra viva, riprovata dagli huomini, sì, ma appo Iddio eletta, [e] pretiosa:

2:5 Anchora voi, come pietre vive, siete edificati, [per esser] casa spirituale, sacerdotio santo, per offerire sacrificij spirituali, accettevoli a Dio per Iesu Christo.

2:6 Per laqual cosa è contenuto nella Scrittura, Ecco, io pongo in Sion una pietra capo di cantone, eletta, pretiosa: e chi crederà in essa, non sarà punto svergognato.

2:7 A voi adunque, che credete, [è] quel prezzo: ma a’ disubbidienti, [è come è detto], La pietra, che gli edificatori hanno riprovata, è divenuta capo di cantone: e pietra d’incontro, e sasso d’intoppo.

2:8 Iquali s’intoppano nella parola, essendo disubbidienti; a che anchora sono stati posti.

2:9 Ma voi [siete] la generatione eletta, real sacerdotio, gente santa, popolo d’acquisto; accioche predichiate le virtù di colui, che v’ha dalle tenebre chiamati alla sua maravigliosa luce.

2:10 Iquali già non [eravate] popolo, ma hora [siete] popolo di Dio: a’ quali [già] non era stata fatta misericordia, ma hora v’è stata fatta misericordia.

2:11 Diletti, io v’esorto che, come avveniticci, e forestieri, v’asteniate dalle carnali concupiscenze, lequali guerreggiano contro all’anima:

2:12 Conversando honestamente fra i Gentili: accioche, là dove sparlano di voi come di malfattori, per le vostre buone opere, riguardate[le], glorifichino Iddio nel giorno della visitatione.

2:13 Siate adunque suggetti ad ogni humana criatione, per l’amor del Signore: al Rè, come al sovrano:

2:14 Et a’ governatori, come a [persone] mandate da lui, in vendetta de’ malfattori sì, ma in laude di quelli che fanno bene.

2:15 Percioche tale è la volontà di Dio, che, facendo bene, turiate la bocca all’ignoranza degli huomini stolti.

2:16 Come liberi, ma non havendo la libertà per coverta di malitia; anzi come servi di Dio.

2:17 Honorate tutti; amate la fratellanza; temete Iddio; rendete honore al Rè.

2:18 Servidori, siate suggetti, con ogni timore, a’ signori; non solo a’ buoni, e moderati; ma a’ ritrosi anchora.

2:19 Percioche questo [è] cosa gratiosa, se alcuno, per la coscienza di Dio, sofferisce molestie, patendo ingiustamente.

2:20 Imperoche, qual gloria [è egli], se, peccando, & essendo puniti, voi [il] sofferite? ma se, facendo bene, e pur patendo, voi [il] sofferite, cio [è] cosa gratiosa appo Iddio.

2:21 Conciò sia cosa che a questo siate stati chiamati: percioche Christo ha patito anch’egli per noi, lasciandoci un’esemplo, accioche voi seguitiate le sue pedate.

2:22 Ilquale non fece alcun peccato, ne fu trovata fraude alcuna nella sua bocca.

2:23 Ilquale, oltraggiato, non oltraggiava all’incontro; patendo, non minacciava; ma [si] rimetteva in man di colui che giudica giustamente.

2:24 Ilquale ha portato egli stesso i nostri peccati nel suo corpo, in su’l legno: accioche, morti al peccato, viviamo a giustitia: per lo cui lividore voi siete stati sanati.

2:25 Percioche voi eravate come pecore erranti: ma hora siete stati convertiti al Pastore, e Vescovo dell’anime vostre.

3:1 Parimente sieno le mogli suggette a’ propri mariti; accioche, se pure ve ne sono alcuni, che non ubbidiscano alla parola, sieno, per la conversation delle mogli, guadagnati senza parola:

3:2 Havendo riguardata la vostra casta conversatione, [che è] in timore.

3:3 Dellequali l’ornamento sia, non l’esteriore dell’intrecciare i capelli, del mettersi attorno dorerie, o del vestir robe:

3:4 Ma l’huomo occulto del cuore, posto nell’incorruttibilità dello spirito benigno, e pacifico: ilquale è di gran prezzo nel cospetto di Dio.

3:5 Percioche in questa maniera anchora già s’adornavano le sante donne, che speravano in Dio, essendo suggette a’ propri mariti.

3:6 Sicome Sara ubbidì ad Abraham, chiamandolo signore: dellaquale voi siete figliuole, facendo bene, e non temendo alcuno sbigottimento.

3:7 [I] mariti simigliantemente conversino con loro, con intendimento, rendendo honore al vaso femminile, come al più debole; come essendo anch’essi coheredi della gratia della vita; accioche le vostre orationi non sieno interrotte.

3:8 In somma, [siate] tutti concordi, compatienti, fratellevoli, pietosi, benivoli:

3:9 Non rendendo mal per male, od oltraggio per oltraggio: anzi in contrario, benedicendo: sapendo che a questo siete stati chiamati, accioche herediate la benedittione.

3:10 Percioche, chi vuole amar la vita, e veder buoni giorni, rattenga la sua bocca da male, e le sue labbra che non parlino fraude.

3:11 Ritraggasi da male, e faccia bene: cerchi la pace, e la procacci.

3:12 Percioche gli occhi del Signore [sono] sopra i giusti, e le sue orecchie [sono intente] alla loro oratione: ma il volto del Signore [è] contro a quelli che fanno male.

3:13 E chi [sarà] colui che vi faccia male, se sarete imitatori del bene?

3:14 Ma se pure anchora patite per giustitia, beati [voi]: hor non temiate del timor loro, e non vi conturbate.

3:15 Anzi santificate il Signore Iddio ne’ cuori vostri: e [siate] sempre presti a rispondere a chiunque vi domanda ragione della speranza che [è] in voi, con mansuetudine, e timore.

3:16 Havendo buona coscienza; accioche, là dove sparlano di voi, come di malfattori, sieno svergognati coloro che calonniano la vostra buona conversatione in Christo.

3:17 Percioche meglio [è], che patiate facendo bene, se pur così vuole la volontà di Dio, che facendo male.

3:18 Conciò sia cosa che Christo anchora habbia sofferto una volta per li peccati, [egli] giusto per ingiusti, accioche ci adducesse a Dio; mortificato in carne, ma vivificato in ispirito.

3:19 Nelquale anchora, andato, predicò agli spiriti che [sono] in carcere:

3:20 Iquali già furono ribelli, quando la patienta di Dio aspettava a’giorni di Noe, mentre s’apparecchiava l’Arca; nellaquale poche anime, cioè, otto, furon salvate per l’acqua.

3:21 La figura corrispondente allaquale, [cioè], il Battesimo, (non lo spogliamento delle brutture della carne, ma la domanda di buona coscienza appo Iddio:) hora salva anchora noi per la risurrettione di Iesu Christo:

3:22 Ilquale è alla destra di Dio, andato in cielo, essendogli sottoposti Angeli, e Podestà, e Potenze.

4:1 Poi dunque che Christo ha sofferto per noi in carne, anchora voi armatevi del medesimo pensiero: (percioche chi ha sofferto in carne, è cessato dal peccato.)

4:2 Per vivere il tempo che resta in carne, non più alle concupiscenze degli huomini, ma alla volontà di Dio.

4:3 Percioche ci basta il tempo passato della vita, da havere operata la volontà de’ Gentili, essendo caminati in lascivie, cupidità, ebbrezze, pasti, bevimenti, e nefande idolatrie.

4:4 In che essi stupiscono come di cosa strana, che voi non concorrete ad una medesima strabocchevole dissolutione, e bestemmiano.

4:5 Iquali renderanno ragione a colui, che è presto a giudicare i vivi, & i morti.

4:6 Conciò sia cosa che per questo sia stato predicato l’Evangelio anchora a’ morti, accioche fossero giudicati in carne secondo gli huomini, ma vivessero in ispirito secondo Iddio.

4:7 Hor la fine d’ogni cosa è vicina: siate adunque temperati, e vigilanti all’orationi:

4:8 Havendo innanzi ad ogni cosa la carità intensa gli uni inverso gli altri: percioche la carità coprirà moltitudine di peccati.

4:9 [Siate] volenterosi albergatori gli uni degli altri, senza mormorij.

4:10 Secondo che ciascuno ha ricevuto alcun dono, amministratelo gli uni agli altri, come buoni dispensatori della diversa gratia di Dio.

4:11 Se alcun parla, [parli] come oracoli di Dio: se alcuno ministra, [faccialo] come per lo potere che Iddio somministra: accioche in ogni cosa sia glorificato Iddio per Iesu Christo: a cui appartiene la gloria, e l’imperio, ne’ secoli de’ secoli. Amen.

4:12 Diletti, non vi smarrite, come se v’avvenisse cosa strana, d’esser messi al cimento, il che si fa per provarvi.

4:13 Anzi, inquanto partecipate le passioni di Christo, rallegratevi; accioche anchora nella rivelatione della sua gloria vi rallegriate giubilando.

4:14 Se siete vituperati nel nome di Christo, beati [voi]; conciò sia cosa che lo Spirito della gloria, e di Dio, riposi sopra voi; ben’è egli, quanto è a loro, bestemmiato; ma, quanto è a voi, è glorificato.

4:15 Percioche, niuno di voi patisca come micidiale, o ladro, o malfattore, o curante le cose che non gli appartengono.

4:16 Ma, se [patisce] come Christiano, non si vergogni: anzi glorifichi Iddio in questa parte.

4:17 Percioche egli è il tempo che’l giudicio cominci dalla casa di Dio: che se [comincia] prima da noi, qual sarà la fine di coloro che non ubbidiscono all’Evangelio di Dio?

4:18 E se il giusto è appena salvato, dove comparirà l’empio e’l peccatore?

4:19 Dunque, quegli anchora, che patiscono secondo la volontà di Dio, raccomandin[gli] l’anime loro, come al fedele Creatore, con far bene.

5:1 Esorto gli antiani che [sono] fra voi, [io che sono] antiano con essoloro, e testimonio delle passioni di Christo, & insieme anchora partecipe della gloria che ha da rivelarsi:

5:2 Pascete la greggia di Dio, che [è] fra voi, havendone la cura, non isforzatamente, ma volontariamente; non per dishonesta cupidità di guadagno, ma d’animo pronto:

5:3 E non come signoreggiando le heredità, ma essendo gli esempli della greggia.

5:4 E, quando sarà apparito il sommo Pastore, voi otterrete l’immarcibile corona della gloria.

5:5 Parimente [voi] giovani, siate suggetti a’ più vecchi: e sottomettetendovi tutti gli uni agli altri, siate adorni d’humiltà; percioche Iddio resiste a’ superbi, e dà gratia agli humili.

5:6 Humiliatevi adunque sotto alla potente man di Dio, accioche egli v’innalzi al tempo.

5:7 Gittando sopra lui tutta la vostra sollecitudine: percioche egli ha cura di voi.

5:8 Siate sobri, vigilate: percioche il vostro avversario, il diavolo, a guisa di leon ruggente, va attorno, cercando chi egli divori.

5:9 Alquale resistete, essendo fermi in fede; sapendo che le medesime afflittioni si compiono nella vostra fratellanza, che [è] per lo mondo.

5:10 Hor l’Iddio d’ogni gratia, ilquale v’ha chiamati alla sua eterna gloria in Christo Iesu, dopo che havrete un poco sofferto; esso vi renda compiuti, [vi] stabilisca, [vi] fortifichi, [vi] fondi:

5:11 A lui [sia] la gloria, e l’imperio, ne’ secoli de’ secoli. Amen.

5:12 Io v’ho scritto per Silvano, fedel fratello, come io giudico, in breve; esortandovi, e protestandovi che la vera gratia di Dio è questa nellaquale state.

5:13 La [Chiesa] eletta con [voi], che [è] in Babilonia, vi saluta; e Marco mio figliuolo.

5:14 Salutatevi gli uni gli altri con bacio di carità. Pace [sia] a voi tutti, che [siete] in Christo Iesu. Amen.


Vai