Il libro del Profeta Haggeo

Home > Versioni Bibliche > Tavola Bibbia Diodati 1607 > Haggeo

Il libro del Profeta Haggeo.

1:1 Nell' anno secondo del rè Dario, nel sesto mese, nel primo giorno del mese, il Signore parlò, per lo profeta Haggeo, a Zorobabel, figliuolo di Sealtiel, governatore di Iuda; & a Iosua, figliuolo di Iosadac, sommo sacerdote; dicendo,

1:2 Così ha detto il Signore degli eserciti, Questo popolo ha detto, Il tempo non è anchora venuto; [cioè,] il tempo, che la casa del Signore ha da esser riedificata.

1:3 Dunque il Signore parlò per lo profeta Haggeo, dicendo,

1:4 [È] egli ben tempo per voi d' habitare nelle vostre case intavolate, mentre questa Casa [resta] diserta?

1:5 Hora dunque, così ha detto il Signore degli eserciti, Ponete mente alle vie vostre.

1:6 Voi havete seminato assai, & havete riposto poco; havete mangiato, ma non vi siete punto satiati; havete bevuto, ma non vi siete punto inebbriati; vi siete vestiti, ma non ve ne siete punto riscaldati: e chi ha servito per prezzo, l' ha fatto per [riporre] il prezzo in un sacchetto forato.

1:7 Così ha detto il Signor degli eserciti, Ponete mente alle vie vostre.

1:8 Salite al monte, & adducetene del legname, & edificate questa Casa, & io mi compiacerò in essa, e mi glorificherò; ha detto il Signore.

1:9 Voi havete riguardato ad assai; & ecco, s' è ridotto a poco; e cio, che havete recato in casa, io v' ho soffiato su. Perche? dice il Signor degli eserciti: per la mia casa, che è diserta; là dove voi correte, ciascun per la sua casa.

1:10 Per cio, il cielo è stato serrato sopra voi, per non [mandar] rugiada; e la terra ha ritenuta la sua rendita.

1:11 Et io ho chiamata la secchezza sopra la terra, e sopra i monti, e sopra 'l formento, e sopra 'l mosto, e sopra l' olio, e sopra [tutto] cio che la terra produce; e sopra gli huomini, e sopra le bestie, e sopra tutta la fatica delle mani.

1:12 Hor Zorobabel, figliuolo di Sealtiel; e Iosua, figliuolo di Iosadac, sommo sacerdote; e tutto 'l rimanente del popolo, ubbidirono alla voce del Signore Iddio loro, & alle parole del profeta Haggeo, secondo che 'l Signore Iddio loro l' havea mandato: e 'l popolo temette per cagion del Signore.

1:13 Et Haggeo, ambasciador del Signore, disse al popolo, per commessione del Signore, Io [sono] con voi; dice il Signore.

1:14 Il Signore adunque destò lo spirito di Zorobabel, figliuolo di Sealtiel, governatore di Iuda; e lo spirito di Iosua, figliuolo di Iosadac, sommo sacerdote; e lo spirito di tutto 'l rimanente del popolo: onde vennero, e lavorarono intorno alla casa del Signor degli eserciti, loro Dio;

1:15 Nel ventiquattresimo giorno del sesto mese, nell'anno secondo del rè Dario.

2:1 Nel settimo [mese], nel ventunesimo giorno del mese, il Signore parlò per lo profeta Haggeo; dicendo,

2:2 Dì hora a Zorobabel, figliuolo di Sealtiel, governatore di Iuda; & a Iosua, figliuolo di Iosadac, sommo sacerdote; & al rimanente del popolo, in questa maniera,

2:3 Chi di voi è rimaso, che habbia veduta questa Casa nella sua primiera gloria? e qual la vedete voi al presente? non [è] ella come nulla nel vostro cospetto?

2:4 Ma pure, fortificati hora, o Zorobabel; dice il Signore: fortificati parimente, o Iosua, figliuolo di Iosadac, sommo sacerdote: fortificatevi anche voi, o popol tutto del paese, dice il Signore; & adoperate: percioche io [sono] con essovoi, dice il Signor degli eserciti:

2:5 [Che è] la parola, che io patteggiai con essovoi, quando usciste d' Egitto: e 'l mio Spirito dimorerà in mezo di voi: non temiate.

2:6 Percioche, così ha detto il Signore degli eserciti, Anchora una volta, [che] sarà fra poco, io commoverò il cielo, e la terra; e 'l mare, e l' asciutto.

2:7 Commoverò anche tutte le genti, e verranno [quelli che sono] il disiderio d' infra tutte le nationi; & empierò questa Casa di gloria; ha detto il Signore degli eserciti.

2:8 L' argento [è] mio, e l' oro [è] mio; dice il Signore degli eserciti.

2:9 Maggiore [sarà] la gloria di questa seconda Casa, che la [gloria della] primiera; ha detto il Signore degli eserciti; e metterò pace in questo luogo; dice il Signore degli eserciti.

2:10 Nel ventiquattresimo [giorno] del nono [mese,] nell' anno secondo di Dario, il Signore parlò per lo profeta Haggeo; dicendo,

2:11 Così ha detto il Signore degli eserciti, Domanda hora i sacerdoti, intorno alla Legge; dicendo,

2:12 Se un' huomo porta della carne consecrata, nel lembo del suo vestimento; e tocca col suo lembo del pane, o della polta, o del vino, o dell' olio, o qualunque [altra] vivanda; sarà [quella] santificata? Et i sacerdoti risposero, e dissero, No.

2:13 Poi Haggeo disse, Se alcuno, immondo per un morto, tocca qualunque di queste cose, non sarà ella renduta immonda? Et i sacerdoti risposero, e dissero, Sì, ella sarà renduta immonda.

2:14 All' hora Haggeo rispuose, e disse, Così [è] questo popolo, e così [è] questa natione, nel mio cospetto; dice il Signore: e così [è] ogni opera delle lor mani: anzi quello stesso, che offerono quivi, è immondo.

2:15 Deh ponete hora dunque mente, [come,] da questo giorno addietro, avanti che fosse posta pietra sopra pietra nel Tempio del Signore:

2:16 Da che quelle cose avvennero, [altri] è venuto ad un mucchio di venti [misure,] e ve ne sono state [sol] dieci; [altri] è venuto al tino per attignere cinquanta secchie, e ve ne sono state [sol] venti.

2:17 Io v' ho percossi, [cioè,] tutte l' opere delle vostre mani, d' arsura, e d' uggia, e di gragnuola; ma voi non vi siete punto [convertiti] a me; dice il Signore.

2:18 Deh ponete mente da questo giorno addietro, dal ventiquattresimo giorno del nono [mese;] ponete, [dico,] mente, dal giorno che 'l Tempio del Signore fu fondato.

2:19 [Evvi] anchora sementa nel granaio? la vite etiandio, e 'l fico, e 'l melagrano, e l' ulivo, non hanno portato: [ma] da questo giorno innanzi io [vi] benedirò.

2:20 Poi il Signore parlò per la seconda volta ad Haggeo, nel ventiquattresimo [giorno] del mese; dicendo,

2:21 Dì a Zorobabel, governatore di Iuda, Io commoverò il cielo, e la terra.

2:22 E sovvertirò il trono de' regni, e distruggerò la forza de' regni delle genti; e sovvertirò i carri, e quelli che vi saranno montati su: & i cavalli, & i lor cavalieri, saranno abbattuti, ciascuno per la spada del suo fratello.

2:23 In quel giorno, dice il Signore degli eserciti, io ti prenderò, o Zorobabel, figliuolo di Sealtiel, mio servidore; dice il Signore: e ti metterò come un suggello: percioche te ho eletto; dice il Signore degli eserciti.


Vai ad inizio pagina.